Almanacco

 Preghiera OM

 

  ARI

 IARU

    

   


Comuni Italiani

 
 


   
 

 

Cluster on-line
 
  IK8VRN-6 (NA)
 • IK8HJC-6  (SA)
  I8NHJ-6 (CB)

 

 

Il Magazine dello Stretto


  

 

 

 

 

La Radioastronomia, curiosità e scoperte    Continua...                             

 

 

CERCA CALL

   

 

 

     
 
Utility
 
 •  SEZIONI  ARI
 •  MODULISTICA
 •  ESAMI
 •  DOWNLOAD
 •  LINKS
 •  DIGITALE
 •  SATELLITE
 •  QSL
 • 

TECNICA

 •

TECNICA ANTENNE

 •  PROPAGAZIONE
 •  WAIS-SQUARE
 

 

 

IN  EVIDENZA

  LE SEZIONI ARI

IN ITALIA

 

CERCA QSL MANAGER

 

 

 
  Band Plane
 

HF - LF

2 metri

6 metri

23 cm

70 cm

Ponti Radio VHF

Ponti Radio UHF

Band Plan pdf

 

 

 

 

 

 
DX Cluster

 

 

 

 

 

 


 web radio rai

 
   
 

 

 

 
pilota anche tu il ricevitore messo a disposizione dai colleghi  negli studi di Saxa Rubra
 
 

 

 

          Modifiche Radio

 

 

 

Servizi Utili
 
 • ENCICLOPEDIA

 
 • CONVERSIONI
 • AVVENIMENTI
 
   
   

La tua finestra sul mondo

 

 

Planetario Provinciale

 

 

 

        

La sezione è aperta il sabato, esclusi festivi, dalle ore 16,00 alle ore 18,30

 
 

 

 

 


 

 

Cerimonia di consegna degli attestati "Honor Roll"

Si avvisano i Signori Soci che a partire da sabato 26 novembre 2016 sono aperte le iscrizioni per il rinnovo della quota associativa Anno 2017. Coloro che rinnoveranno direttamente con bollettino prestampato, sono pregati di comunicarlo alla segreteria per l'aggiornamento degli elenchi.

Incontri con la Sezione ARI di Domodossola

Sperimentazione ricetrasmettitore QRP per CW in banda 40 m.

Scuola Multimediale di Protezione Civile 17 maggio 2016

Ecco il nuovo Consiglio Direttivo e il Collegio Sindacale per il prossimo Triennio 2015-2017

Anche dalla Prefettura di Reggio Calabria (Capomaglia per il Sud Italia) il collegamento con la Portaerei Cavour inserita nella Rete Radio di Emergenza Civile Nazionale

Award DXCC 5 Bande del nostro socio iZ8FFA Felice

Award in PSK 31 del nostro socio IK8BDA Enrico

 
Fusi Orari On Line

 

 

Ruolo d'Onore ARI

 

Esami per radioamatore

 

Ministero Comunicazioni Calabria

 

Ruolo dei Radioamatori nelle comunicazioni di emergenza

 

Quote Sociali 2017  

 

 

 

 

 

 
 
  

 

Articoli

 

 

Propagazione ionosferica e Radioamatori

 

Radio 1 intervista i Radioamatori  

 

WI-FI la nuova frontiera

 
Alfabeto Fonetico  

 

50° Anniversario di Sacerdozio di I8LEV Don Ercole Lacava.

 
 

 

 

DIPLOMA  CASTELLI D'ITALIA

 

Ari re

 
  Volontariato e Normative

 

 • Prove di copertura

 

 • Riconoscimento dalle Istituzioni
 • Operazione Rischio Zero
  L'AGESCI ringrazia l'ARI
 • Mappa ponti ripetitori 
 
  Riconoscimento all'ARI-RE  
 • Consegna Materiale ARI-RE
 • Sala Radio      

 

 
 • Notizie flash
 • AGENDA  
 Home Page  

 

  

 

 
 

La QSL ....

 
   
 

 

 
 
 

DX

Calendario DX-Pedition
     

 
  ZD7VDE - St. Helena
ZL7G - Chatam Is.
VP2EGR - Anguilla Is.
 

 

 

Codice Internazionale Deontologico Radioamatori

 
  "amo la radio perchè arriva tra la gente...." (Eugenio Finardi)  
 
 
 

Archivio

 
 
I consigli di Nonno Marconi
Radioamatori in TV

  La nuova Licenza
Nuovo ordinamento Ministeriale
 

 

 

 

 

 

Il sito ufficiale della famosa rivista di elettronica

 

 

Documenti

 

  Decreto Radioamatori dell'11.02.2003
Spettro Elettromagnetico
DXnet  Networks per HF
Callsign
 

 

 

 
 

L'invenzione della radio

La storia di Marconi è la nostra storia

GUGLIELMO MARCONI nacque a Bologna il 25 aprile 1874, da papà Giuseppe e dalla di lui seconda moglie, Annie Jameson, protestante; dalla mamma ereditava la tenacia e la perseveranza, oltre la conoscenza della lingua inglese; dal padre una ferrea volontà ed il senso degli affari. All'età di 7 anni entrò nell'Istituto Cavallero di Firenze e nel 1885 all'Istituto Nazionale di Livorno, dove la famiglia si era nel frattempo trasferita. Sempre a Livorno GUGLIELMO ebbe cultura religiosa presso la locale Chiesa Valdese, ove venne "confermato" (la cresima per il rito cattolico) nell'aprile del 1892; la madre aveva messo infatti per condizione, prima di sposarsi, che i figli fossero allevati nella fede protestante; ed infatti poi GUGLIELMO sposerà in prime nozze l'irlandese Beatrice O'Brien, anch'essa protestante. Autodidatta, appena diciottenne sentì nascere in sé (lo scrive lui stesso) una irresistibile vocazione verso la fisica e l'elettricità'. Allievo a Livorno dei professori Vincenzo Rosa e Giotto Bizzarrini, acquisì da essi una più rigorosa mentalità scientifica in un momento particolarmente importante per l'indirizzo delle sue ricerche. Gli erano ben note le idee e la teoria di MAXWELL, le esperienze di HERTZ, RIGHI, CALZECCHI-ONESTI, BRANLY. Nell'estatedel 1894, quando la famiglia Marconi si recò in vacanza nelle montagne del biellese (vicino a Torino), il giovane GUGLIELMO ebbe modo di riflettere sulle ricerche scientifiche di HERTZ e pensò di usare le onde hertziane a scopi di comunicazione. Questa fu la magnifica intuizione di MARCONI, alla quale nessuno era arrivato, nessuno aveva minimamente pensato. Nell'autunno successivo, nella villa di Pontecchio presso Bologna, il giovane ventenne trasformò il granaio in laboratorio, lavorando notte e giorno tra rotoli di filo di rame, sfere di ottone, rocchetti di Ruhmkorff, tasti Morse e campanelli, realizzando i primi rudimentali apparecchi.  I primi deboli segnali riuscirono a superare qualche centinaio di metri; dalla finestra del granaio dove era posto il trasmettitore fino alla collinetta in fondo al giardino ove si trovava il ricevitore, i tre punti della lettera S viaggiavano nello spazio arrivando a destinazione, ed il colono Mignani sventolava un fazzoletto, indicando l'avvenuta ricezione. MARCONI però voleva superare gli ostacoli del terreno e trasmettere tra due punti tra loro non visibili.

Continua...

Nuove Tecnologie Digitali
Il protocollo D-Star

 

 

Con l’avvento delle nuove tecnologie digitali, anche in campo radioamatoriale sono stati condotti vari esperimenti e studi che hanno portato alla realizzazione di apparati per operare in modo digitale, come avviene ormai da tempo nella telefonia mobile.I primi studi in tal senso sono stati condotti dal Ministero delle Telecomunicazioni Giapponese con una ricerca durata circa tre anni grazie al coordinamento dell’associazione dei radioamatori Giapponesi (JARL, Japan Amateur Radio League). Tra i partecipanti al progetto vi furono anche diversi membri di compagnie produttrici di apparati per radiotelecomunicazioni, tra cui anche alcuni rappresentanti della società Icom. Il gruppo di ricerca riuscì nel 2001 a completare questi studi e realizzò uno standard che prese il nome di D-Star.

Continua...

 

 

IQ8RC

 

Chi Siamo

La Sezione

Il Consiglio
Statuto ARI
Album Foto
Regolamento
 

 

 

Provincia di Reggio Calabria

 
 Fusi Orari  
 
 
ISS Position
 
 
Terra Live
 
Sat -Trak

 

 
 DXcc List  
Prefissi ITA
ITU Zone
Zone CQ
Pfx C.I.S.
Codice Q

 

Mercatino

 
 
Vendo
Cerco
Scambio
 

  About AMSAT 
 
 

Destina il 5 per mille dell'IRPEF all'ARI.

 

 
 

 

 

Associazione Italiana Radioascolto

 

 

 

 

Ascolto HF On Line

 
 

 

 

 

   

 

 

 

informazioni

e-mail
 

 

 

   

 

Webmaster: IZ8BLV Paolo Tripodi

   

Copyright © 2005-2016 ARI-Reggio Calabria All Rights reserved

 

ARI-SEZIONE DI REGGIO CALABRIA